Logo dell'evento SMART WATER SUSTAINABLE WATER VISION

Il Sondaggio Di Resideo Conferma L'elevato Livello Di Preoccupazione Dei Proprietari Di Casa In Tutta Europa Per L'aumento Dei Costi Dell’energia |Resideo IT

  • La Spagna è la nazione che più si è dichiarata preoccupata per l'aumento dei costi dell’energia (99%)
  • Spagnoli e tedeschi hanno il doppio delle probabilità di rivolgersi a un tecnico professionista per un consiglio per ridurre costi e consumi.
  • Un quarto dei proprietari di case in Spagna e Regno Unito spegnerebbe l’impianto di riscaldamento per ridurre i costi

In un contesto di aumento vertiginoso dei prezzi dell'energia, un sondaggio commissionato da Resideo Technologies, Inc.1  ha rivelato che, in Europa, sono i proprietari di case spagnoli i più preoccupati per l'aumento dei costi energetici.

Costi dell’energia: elevato livello di preoccupazione in tutta Europa

La maggior parte dei proprietari di case in tutti i paesi intervistati - Regno Unito, Spagna, Francia, Paesi Bassi e Belgio2 , Italia e Germania – hanno dichiarato di essere preoccupati o molto preoccupati per la situazione:

  • Spagna: il 99% ha dichiarato di essere "molto preoccupato" o "preoccupato" per l'aumento dei costi energetici.
  • Francia: il 96% ha dichiarato di essere "molto preoccupato" o "preoccupato" per l'aumento dei costi energetici.
  • Italia: il 95% ha dichiarato di essere "molto preoccupato" o "preoccupato" per l'aumento dei costi energetici.
  • Germania: il 94% ha dichiarato di essere "molto preoccupato" o "preoccupato" per l'aumento dei costi energetici.
  • Paesi Bassi e Belgio: il 91% ha dichiarato di essere "molto preoccupato" o "preoccupato" per l'aumento dei costi energetici.

    1 Ricerca condotta per conto di Resideo da OnePoll nel giugno 2022, intervistando 1.000 proprietari di case che vivono in: Regno Unito, Germania, Italia, Spagna e Francia.
    2Ricerca condotta su un campione combinato di 919 proprietari di casa in Belgio e Olanda.
  • Regno Unito: l'89% degli intervistati è "molto preoccupato" o "preoccupato" per l'aumento dei costi energetici.

Le mosse per ridurre i costi in bolletta

Alla domanda su quali azioni gli intervistati stessero intraprendendo per ridurre le bollette energetiche, il sondaggio ha riportato come i proprietari di casa in Francia (41%), Paesi Bassi e Belgio (37%) siamo i più propensi a considerare la riduzione della temperatura interna in una stanza come passo principale per abbassare i costi in bolletta, seguiti a breve distanza da tedeschi (33%) e italiani (28%).

In confronto, solo il 21% degli spagnoli e il 9% degli inglesi ridurrebbero la temperatura dell’ambiente domestico come azione principale per mitigare il costo delle bollette. Al contrario, infatti, gli stessi sarebbero i più propensi a spegnere completamente il riscaldamento: rispettivamente il 25% dei proprietari di case spagnoli e il 28% dei britannici affermano di aver optato per questa soluzione.

A chi rivolgersi per avere soluzioni: il ruolo dell’installatore professionale

Alla domanda su dove (e a chi) si rivolgerebbero per richiedere un consiglio per ridurre i costi delle bollette energetiche, i proprietari di case in Spagna, Germania e Italia hanno più del doppio delle probabilità di rivolgersi a un installatore professionista, rispetto a quelli nel Regno Unito e in Francia.

Elemento significativo, e incoraggiante, per coloro che lavorano nel settore del riscaldamento e del raffreddamento: la stragrande maggioranza dei proprietari di case in Spagna (77%) Germania (76%) e Italia (76%) contatterebbe anche un professionista per installare un sistema di controllo del proprio impianto di riscaldamento.

Strategie e buone pratiche per il controllo della temperatura: le risposte degli europei

In tutti i paesi interessati dalla ricerca Resideo, si è potuta registrare una diffusa proattività alla ricerca di strategie e buone pratiche per ridurre i consumi, e dunque le spese. Alla domanda, il 71% dei proprietari di case spagnoli e addirittura il 74% degli italiani hanno affermato di essere disposti a spendere soldi per l’installazione di sistemi di controllo di ultima generazione del proprio impianto di riscaldamento, se ciò significasse un risparmio di denaro a lungo termine, cifra che scende al 70% nei Paesi Bassi e in Belgio, e al 68% tra la popolazione e tedesca.

I proprietari di case nel Regno Unito e in Francia risulterebbero, invece, leggermente più riluttanti nell’attuare una strategia simile; allo stesso tempo, però, quasi il 50% degli intervistati nei due paesi ha risposto affermativamente a questa domanda.

Generare un risparmio concreto

È stato dimostrato che i sistemi di controllo del riscaldamento siano ottimali per far funzionare gli impianti in modo più efficiente, riducendo il consumo di gas e aiutando a risparmiare denaro. Nel Regno Unito, ad esempio, uno studio del 2021 condotto da BEAMA (British Electrotechnical and Allied Manufacturers Association) ha scoperto che l'installazione di un termostato a modulazione diretta in sostituzione di un termostato standard - in un sistema di riscaldamento centralizzato - può ridurre il consumo di gas per il riscaldamento del 12%3

Commentando questi risultati, Mario Moura, Products & Solutions EMEA Managing Director di Resideo, ha dichiarato: "Sullo sfondo dell'aumento dei prezzi dell'energia, questo sondaggio ha rivelato che i proprietari di case in Spagna e Germania hanno più del doppio delle probabilità di rivolgersi a un installatore per consigli sulla riduzione delle bollette energetiche, rispetto a quelli nel Regno Unito e in Francia”.

“Tuttavia”, continua Moura, “in tutta Europa c'è anche molta fiducia negli installatori, ed è bello vederlo. Gli ingegneri e i professionisti del riscaldamento hanno le competenze e le capacità necessarie per fornire consigli imparziali ai proprietari di case sul miglior controllo del riscaldamento disponibile, a seconda del tipo di proprietà e dell'impianto di riscaldamento attualmente installato. Pertanto, nell'odierna crisi energetica, l'installatore può svolgere un ruolo fondamentale nell'aiutare i proprietari a fare il possibile per rendere la propria abitazione più efficiente dal punto di vista energetico".

I risultati del sondaggio giungono in contemporanea all’annuncio dell'Unione Europea di portare 1,5 milioni di termostati intelligenti nelle case dei cittadini europei nel corso di quest'anno per favorire il risparmio energetico . La Commissione Europea ha poi annunciato l’iniziativa “Save Gas for a Safe Winter che ha proposto, tra le altre cose, un nuovo strumento legislativo e un piano europeo di diminuzione della domanda di gas, volta a ridurne il consumo in Europa del 15% fino alla prossima primavera.

Per ulteriori informazioni sui controlli del riscaldamento per caldaie e pompe di calore, visitare il sito resideo.com.

RESIDEO

Resideo è un fornitore globale leader nelle soluzioni per comfort e sicurezza principalmente in applicazioni residenziali e distributore di prodotti elettronici e sistemi di sicurezza a bassa tensione. Con un patrimonio di 130 anni, Resideo è presente in oltre 150 milioni di abitazioni, con 15 milioni di impianti installati ogni anno nelle abitazioni. Continuiamo a servire più di 110.000 professionisti attraverso distributori leader e con la nostra attività ADI Global Distribution, che esporta in più di 100 paesi da più di 200 centri di stoccaggio in tutto il mondo. Resideo è una società da 4,8 miliardi di dollari con circa 13.000 dipendenti globali. Per ulteriori informazioni si prega di visitare www.resideo.com.

Ufficio stampa RESIDEO:

Connexia
Michela Spagnuolo – michela.spagnuolo@connexia.com - 366 6971634
Manfredi Montanari – manfredi.montanari@connexia.com – 344 0519218


Nota: I risparmi di energia individuali dipendono da sistemi di controllo preesistenti, dallo stile di vita e dall’ambiente circostante. Fonte BEAMA: scarica il report
Reuters, EU, U.S. aim for 1.5 million smart thermostats in Europe this year
Commissione Europea, “Risparmiare gas per un inverno per preparare l'UE a eventuali tagli all'approvvigionament